Aiutiamo la paraplegia
Club Clay Regazzoni Onlus

Le notizie

Presentata in Casa Maserati la nuova tessera associativa. Così è partita la stagione 2016 del Club Clay Regazzoni

Tansini e don Avanti con Casarini e RoncagliaUna delegazione del Club Clay Regazzoni ha fatto visita alla Maserati a Modena capeggiata dal Fondatore Presidente Onorario Giacomo Tansini, dal presidente don Luigi Avanti, Luciano Codazzi, Alberto Maletti, Guido Bertoli e la fotografa Costanza Brocchieri; a questi si sono uniti anche alcuni sostenitori dell'associazione che da anni collaborano e aiutano il sodalizio lodigiano nella raccolta fondi, volendo così premiare il loro affetto e la loro stima: si tratta di Giuseppe Belloni, Roberto Tansini, Lorenzo Chiesa e Gianluca Ripamonti

Il gruppo è stato accolto nella hall dell'azienda emiliana avendo così l'occasione per ammirare i nuovi modelli Maserati e l'unica Mc-12, macchina da competizione omologata per circolare anche su strada; a fare gli onori di casa è stato il sig. Giorgio Manicardi, memoria storica della Maserati, accompagnato dalle signore Claudia Casarini e Valeria Roncaglia, dell'ufficio Comunication e sostenitrici del club alle quali, in questa occasione, sono state consegnate le prime due tessere della 23a stagione.

Quella riscontrata in Maserati è stata un'accoglienza straordinaria: dopo aver appreso e assaporato un po' della storia della gloriosa casa automobilistica nata nel 1914, la delegazione è stata accompagnata per una visita all'impianto dove vengono assemblate non solo le stupende Maserati, ma anche la serie speciale dell'Alfa Romeo 4C. Il sig. Manicardi ha illustrato agli ospiti fin nei minimi dettagli il ciclo produttivo per oltre due ore; è stato così possibile constatare dal vivo la perfetta sinergia tra tecnologia, bellezza e passione che caratterizza il Tridente e chi ci lavora.

Con questo evento è iniziata la stagione 2016 di Aiutiamo la paraplegia - Club Clay Regazzoni: ora via alla distribuzione delle tessere, nell'attesa di definire gli appuntamenti annuali, sempre con lo scopo di unire la passione per i motori con la solidarietà verso il prossimo, da sempre l'elemento caratterizzante del sodalizio.

Foto di gruppo nella hall della Maserati

Il Club Regazzoni alla cena di beneficienza della casa di accoglienza "Anna Guglielmi"

Il 16 gennaio alla cena di beneficienza presso la casa di accoglienza Anna Guglielmi c'eravamo anche noi: onorati di partecipare e di collaborare con voi!!! Grazie Claudia Gasperini dell'invito.

Carissimi amici, ancora grazie per la vostra presenza alla cena di sabato scorso. Per noi è importante condividere con chi ci aiuta i risultati raggiunti e gli obbiettivi futuri, tenendo sempre presente ciò che ci muove ad aiutare le persone che incontriamo.

Esperienze come la nostra ci permettono di incontrare quotidianamente una umanità incredibilmente bella e vera che ci insegna ad andare alla sostanza delle cose e a gustare ogni momento della nostra vita.

Claudia Gasperini

Foto ricordo

Durante la serata è stata resa nota la lettera di Antonella Amirante, bella e commovente, che, su concessione del Centro, ci piace riprodurre anche in questa sede (clicca sulle pagine per ingrandirle).

Lettera pagina 1Lettera pagina 2

La ventiduesima edizione del Gran Premio della Solidarietà permette il dono di 31.000 per la ricerca e la riabilitazione

Serata di gala e di festa per il Club dedicato al grande pilota Clay Regazzoni, ma senza dimenticare l'importante fine solidaristico che da sempre è l'obiettivo principale dell'associazione lodigiana (con un solido nucleo di sostenitori provenienti da Castelleone).

Sabato 28 novembre è stata allestita presso il Canadi di Spino d'Adda la ventiduesima edizione del Gran Premio della Solidarietà, durante la quale si assegnano i fondi raccolti durante l'anno: 7.500 ciascuno ai centri di riabilitazione di Mozzo (Bergamo) e Montecatone (Imola), 16.000 euro all'ospedale Niguarda di Milano alla presenza del dott. Michele Spinelli, al quale sono state formulate le congratulazioni per la sua promozione a direttore dell'Unità spinale. Un riconoscimento è stato assegnato anche al sig. Maurizio Senna della Scuderia Ferrari Club di Sant'Angelo Lodigiano.

La serata è stata caratterizzata anche dalla presenza di due ospiti d'onore: René Arnoux, pilota francese e campione sia di Formula 2 sia di Formula 1, e Paolo Del Debbio, giornalista e conduttore televisivo. I loro interventi a favore della ricerca contro la paraplegia – ma anche a livello generale sulle problematiche relative alla disabilità e all'abbattimento delle barriere architettoniche – hanno suscitato numerosi riscontri di apprezzamento e parecchi applausi.

Da segnalare, infine, la presenza delle signore Maria Pia e Alessia Regazzoni, moglie e figlia del pilota svizzero, le quali, dalla scomparsa del pilota, hanno proseguito il sostegno assieme alla famiglia alla causa di solidarietà di “Aiutiamo la Paraplegia” Onlus per il quale hanno presenziato gli esponenti di tutto il consiglio direttivo, in primis il presidente don Luigi Avanti e il socio fondatore e presidente onorario Giacomo Tansini.

Sfoglia il fotoalbum della serata

Foto di gruppo