Aiutiamo la Paraplegia
Club Clay Regazzoni Onlus

Separatore

Rassegna stampa

 Data: venerdì 1 febbraio 2013
 Testata: Kerb Motori

UNA VITA DA CORSA, FINO ALL'ULTIMO RESPIRO

LA CARRIERA DI CLAY REGAZZONI RIVIVE NELLA MEMORIAL ROOM

Foto Ferrari, Memorial Room

Carrozziere nel garage del padre a Mendrisio, Clay Regazzoni inizia a correre a 24 anni, con una MG Austin Sprite 950 trasformata da spider azzurra in coupé giallo. Conosce Silvio Moser che lo sprona e aiuta, e frequenta la scuola di pilotaggio a Monthlery, della scuderia SAR di Lugano, con segretario Pablo Foletti. Con una Brabham F.3 della scuderia Martinelli e Sonvico si fa notare all’estero. Poi nel ’67 l’ingaggio alla Tecno e nel ’69 quello in Ferrari. Nel ’70 il debutto in F.1 a Zandvoort (4°) e la vittoria a Monza, dove si ripete nel ’75, arriva 2° nel ’76, e 3° nel ’79. Nel ’69 firma un contratto con la Ferrari in F.2, ma l’auto non va; può continuare con la Tecno e andare a vincere l’anno seguente l’Europeo. Che annata grandiosa il 1970! A parte il dramma di Rindt, morto il sabato in prova a Monza. Clay si afferma a Brands Hatch nel ’71 (non valida per il Mondiale) con la disastrosa B2, azzeccando il cambio gomme dopo la pioggia. Il bis nella serie iridata avviene al Nürburgring il 4 agosto 1974, sugli epici 22 km della Nordschleife, con 12 secondi su Reutemann. Lo stesso 4 agosto in cui Fangio nel ’57 fece il suo capolavoro. Vittoria a Digione ’75, nel GP della Svizzera fuori campionato. Primo di nuovo a Monza nel ’75, poi a Long Beach nel ’76, dove il destino lo attenderà spietato quattro anni dopo. Infine Silverstone 1979, l’ultimo successo, ma il primo per la scuderia di Frank Williams, dopo un grande 2° posto nel GP di Monaco. La rottura del pedale del freno della Ensign in fondo alla Shoreline Drive nel 1980, lo costringe alla sedia a rotelle, ma Regazzoni aveva rischiato la vita già altre volte. Nel ’68 su Tecno F.3 a Monaco, quando il rollbar fece leva sul guardrail, altrimenti avrebbe “perso la testa”. Nel ’73 a Kyalami svenne nell’abitacolo colpito al mento, dopo che con Ickx si trovò davanti le macchine di Hailwood e Charlton incidentate. Fu lo stesso Hailwood che lo salvò dall’auto in fiamme. Rischiò anche a Caserta nel 1967, nel funesto GP di F.3, di cui parliamo a pagina 5. Regazzoni poteva vincere il Mondiale nel ’74: a quattro gare dalla fine, sarebbe bastata una parola di Enzo Ferrari per fare gioco di squadra e vincere un titolo che invece andò a Fittipaldi. Lauda non lo aiutò e, come scrisse Borsari, Clay gli renderà la pariglia nel ’76, anche se lui disse che dai box non gli segnalarono un cambio gomme. E pensare che fu proprio Clay a consigliare Lauda a Ferrari nel ’74 al posto di Jarier, e a dare l’ok alla BRM l’anno prima, dove anziché due monoposto ne schierarono tre. Regazzoni ha corso anche a Sebring, Daytona, Le Mans, Indianapolis. A Indy ci andò nel ’77, con una McLaren M16C-Offenhauser appartenente a Simpson, produttore dei caschi, per il team di Teddy Yip. Ebbe uno spaventoso incidente in prova per una barra montata al contrario, ma restò incolume e partì per la gara, dove fu fermato da una perdita dal serbatoio carburante. Con lui c’era anche Giulio Borsari, suo ex-meccanico alla Ferrari, in veste di ospite. Clay era già stato in USA a Seattle nel 1973, con una Lola T330-Chevrolet V8 di F.5000 del Jones/Eisert Racing, e si ritirò dopo esser stato 2° nella sua Batteria e 3° in prova. Fu al via anche nell’ultima gara inglese a Brands Hatch finendo 12°. Dal 1970 al ’74 strinse il volante delle Sport Ferrari e Alfa Romeo. Con Merzario sulla 512S fu costretto al ritiro a Le Mans nel ’70. L’anno seguente vinse con Redman a Kyalami con la 312P; poi nel ’72 con Ickx la 1000 km di Monza, e ancora a Kyalami con Merzario. Per certi versi avanti coi tempi, Clay aprì anche un pub nel ’73 e creò una linea di jeans. Il Clay che ci piace di più però, è quello inedito, che portava la moglie Maria Pia con i figli Gian Maria e Alessia ai box di Monza nel 1974, seduti nella postazione dei cronometristi.

 Elenco articoli

Separatore