Cremasco: Club Clay, dono svizzero in vista del GP

Testata: Il Nuovo Torrazzo.

Arriva direttamente dalla Svizzera l’ultima grande donazione, in ordine cronologico, a favore del Club Clay Regazzoni Aiutiamo la Paraplegia, nato e cresciuto sull’asse Paullo-Castelleone, con tantissimi sostenitori in terra cremasca. 25mila franchi elvetici messi a disposizione dell’associazione che porta il nome del mitico pilota svizzero e che dalla sua famiglia è sostenuta, da parte di Fredy Lienhard. “Sabato 16 ottobre, mite giornata d’autunno – spiega il fondatore del Club Clay, Giacomo Tansini – siamo stati accolti in località di Romanshorn, nella Svizzera tedesca sul lago di Costanza, presso l’Autobau, un importante museo di auto sportive; da una settimana, infatti, alle oltre cento vetture che questa esposizione già contava, si è aggiunta la nuova ala dedicata al pilota svizzero Clay Regazzoni con auto da corsa leggendarie, un ex veicolo da rally e varie auto sportive dall’Alfa Romeo alla Ferrati alla Mercedes provenienti dal garage privato”. Un nuovo allestimento che, come spiega il presidente onorario del Club, “non vuole onorare solo la carriera sportiva del pilota, ma far conoscere anche l’impegno sociale di Clay Regazzoni”. Ricordiamo che la famiglia del pilota svizzero (la signora Mariapia, i figli Alessia e Gianmaria) continuano a sostenere la mission dell’associazione voluta da Clay Regazzoni e fondata assieme a Giacomo Tansini (unica da lui autorizzata a suo nome) e protratta anche dopo la scomparsa del campione ticinese. Nel corso della mattinata e della visita al salone, il proprietario Fredy Lienhard, dopo l’inaugurazione della sezione celebrativa affidata ad Alessia Regazzoni, ha annunciato la donazione di 25mila franchi svizzeri da dedicare alle cause di soli-darietà di Aiutiamo la paraplegia – Club Clay Regazzoni. Ingente somma che si aggiunge a quella che, nel corso dell’anno, attraverso eventi e manifestazioni, il Club Clay ha raccolto. Gruzzolo che sarà distribuito ad enti e associazioni di ricerca nel corso della serata conclusiva della stagione. A questo proposito la data da segnarsi in calendario è quella del 27 novembre. Quel sabato, alle 19, si accenderanno i motori del 28° Gran Premio della Solidarietà – 15′ cena in memoria di Clay Regazzoni, iniziativa promossa dal Club Clay Regazzoni Aiutiamo la Paraplegia in collaborazione con il Minardi Club Castelleone-Paullo. L’appuntamento a tavola avrà quale ospite d’onore un pilota e altri personaggi del mondo dello sport. Parterre che al momento viene tenuto sotto stretto riserbo da Giacomo Tansi-ni, fondatore e presidente onorario del Club Clay, anima della manifestazione. A ospitare l’evento sarò il ristorante Socchi’ di Comazzo. Partecipare è possibile, basta riservarsi un posto contattando i numeri telefonici 338.2705227 oppu-re 338.3421012. Il Gran Premio della Solidarietà chiude abitualmente l’annata di iniziative che l’associazione propone per raccogliere fondi da donare alla ricerca sulla paraple-gia e all’assistenza. Eventi che come filo conduttore hanno i motori che rombano a fin di bene.

Bruno Tiberi

 

 

 

 

 

Fare la patente non sarà più un ostacolo: per gli invalidi c’è il pulmino del Club Regazzoni

Testata: Il Cittadino.

Una speranza per guardare al futuro, oltre la disabilità grazie al progetto messo in campo dal Club Clay Regazzoni: un doblò della Citroen finanziato dal club di Cadilana a favore di persone paraplegiche e tetraplegiche, rimaste invalide in seguito a gravi incidenti automobilistici.

che dal 1994 lotta a fianco di persone svantaggiate, consentirà l’iscrizione alla patente di scuola guida con un pulmino equipaggiato di tutti i “confort” per la guida assistita: comandi vocali e sensori, infatti, saranno in grado di concedere la patente B a misura di tutti, anche a chi non possiede più il controllo dei comandi tradizionali.

aprirà la strada verso la patente senza dover sostenere il costo di un auto da dover comprare, ancora prima dell’esito finale – dichiara il fondatore e presidente onorario del Club Regazzoni Giacomo Tansini -. È un progetto che abbiamo intrapreso a braccetto con l’Associazione disabili bergamaschi presieduta da Claudio Tombolini con cui contiamo una collaborazione lunga diciotto anni».

Inaugurato lo scorso 27 settembre presso il Comune di Bergamo, il pulmino ha fatto tappa anche a Cadilana in occasione dell’autoraduno che aveva riunito appassionati di motori da tutto il Lodigiano, legati dalla passione per le auto da corsa ma soprattutto dal filo della solidarietà.

Finanziato dal buon cuore dell’associazione lodigiana, il mezzo riporta sulle fiancate anche i loghi del Clay Regazzoni memorial room, del Club Minardi di Paullo e Castelleone e dell’oratorio San Luigi di Cadilana per una missione sostenuta da anni anche da don Luigi Avanti: «Purtroppo spesso chi rimane invalido in seguito a incidenti stradali viene visto come un “disabile di serie B”». Ma la battaglia verso l’inclusione proseguirà anche in occasione della cena benefica del prossimo 27 novembre con un grande obbiettivo per il club: raggiungere il traguardo di un milione di euro a favore della paraplegia. «Sono ancora tanti i progetti che intendiamo intraprendere a favore di persone invalide – conclude Tansini – e la determinazione verso i prossimi traguardi non ci manca».

Lucia Macchioni

 

 

 

 

 

 

Disabilità: un’auto a misura di (quasi tutti i) disabili grazie ad una tecnologia adattativa

Testata: L’Eco di Bergamo.

L’iniziativa è dell’Associazione disabili bergamaschi in collaborazione con il Club Clay Regazzoni: un’auto per aiutare le persone con difficoltà motorie che vogliono imparare a guidare o ricominciare a farlo. Ne abbiamo parlato con il presidente Claudio Tombolini

Ma i disabili possono guidare? La risposta è sì. Aggirato questo primo ostacolo (che è quasi un pregiudizio) la domanda che viene spontaneo porsi è: come fanno concretamente? A dissipare questi dubbi ci pensa in modo molto schietto Claudio Tombolini, presidente dell’Associazione disabili bergamaschi, romano d’origine e bergamasco d’adozione che convive con una disabilità da quando aveva sei anni e si muove con l’ausilio di una sedia a ruote.

La nostra è un’associazione che fornisce servizi alle persone e negli anni ci siamo accorti che quello che andavamo ad offrire era un sostegno mancante di qualcosa, sia a Bergamo che in provincia: la possibilità per i disabili di avere un’auto che è possibile guidare. Questo progetto si basa molto semplicemente su un principio di utilità. Abbiamo acquistato una vettura e l’abbiamo multi-adattata. Le persone con disabilità motorie ed handicap possono guidare, installando dei dispositivi”.

Da qui nasce l’idea di un’automobile per disabili: “La sua peculiarità risiede proprio nel fatto che l’autovettura permette di montare e smontare molto velocemente i vari dispositivi che si adattano alle varie disabilità. Ovviamente questa affermazione non deve essere presa alla lettera o in senso assoluto, perché quando ci sono disabilità importanti come una tetraplegia grave che prevedono l’utilizzo di un joystick montato sul veicolo, in quel caso sono necessari dei mezzi di locomozione specifici, perché ovviamente il joystick non si monta sulle autovetture”.

Insomma, com’è ovvio che sia, un veicolo per disabili ma non per tutti: “Diciamo che si tratta di una macchina che è compatibile con il 90% dei dispositivi adattativi. Questo perché ogni disabilità è diversa e la stessa patologia può avere conseguenze che variano da persona a persona”. Il veicolo è messo a disposizione ad uso gratuito a quanti ne fanno richiesta e si rivolge alle persone con disabilità che intendono prendere la patente di guida.

Ma come si stabilisce l’idoneità alla guida? In altre parole chi può usare la macchina e chi no?L’idoneità alla guida, in questi casi specifici, viene stabilità da una commissione medica che opera a livello locale. Solitamente è composta da un fisiatra, da altri medici specialistici e poi da un ingegnere della motorizzazione. In base alla loro valutazione viene rilasciato un certificato che specifica il tipo di dispositivo da montare sulla macchina”.

A quel punto il problema principale è che le scuole guide non dispongono di macchine multi-adattate, perché il numero di persone che necessitano di un veicolo del genere in proporzione sono pochissime. Quindi di solito una volta ottenuto il certificato che sancisce l’idoneità alla guida, la persona interessata deve prima acquistare l’autovettura, montare il dispositivo e fare poi le guide col veicolo di sua proprietà.

È proprio in questa fase che interviene l’associazione che con questa automobile vuole colmare quello che è a tutti gli effetti un vuoto assistenziale: “Il nostro obiettivo è di consentire a queste persone di disporre di una vettura che permetta loro di fare tranquillamente le lezioni di guida e solo successivamente, una volta ottenuta la patente, acquistare la macchina che più preferiscono o di cui hanno bisogno in base al dispositivo da montare stabilito dalla valutazione medica”. Il veicolo può anche essere richiesto in prestito anche nel caso i soggetti che dispongono già di un’automobile “speciale” e abbiano la necessità di ripararla o revisionarla: “Naturalmente anche le macchine su cui si montano le tecnologie adattative possono subire dei guasti, ma se l’auto rimane ferma per due o tre giorni in officina, questo si trasforma in un vero e proprio disagio per una persona disabile che rischia di rimanere bloccata o di dover dipendere dagli altri”.

L’Associazione è inoltre di supporto all’Unità Spinale dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo al centro di riabilitazione di Mozzo in cui arrivano persone che subiscono lesioni midollari o altri incidenti gravi: “Uno dei motivi principali che ci ha spinto ad avviare un progetto del genere è anche quello di intervenire in queste situazioni nelle quali ci sono per la maggior parte pazienti che hanno la patente e guidano, ma hanno la necessità di tramutare l’auto in una versione, diciamo così, speciale. Dunque, prima di avviare tutto l’iter, noi diamo a queste persone la macchina durante la degenza ospedaliera, così anche mentre sono ricoverate, possono prendere dei permessi di un’ora o due e imparare ‘a guidare di nuovo’. In questo modo quando vengono dimessi dal centro sono già in grado di mettersi al volante”.

Claudio Tombolini mi trasmette l’impressione di una persona estremamente pragmatica e diretta che incarna molto bene quello che dovrebbe essere il modo più giusto per affrontare le difficoltà e le problematiche legate al mondo della disabilità. L’obiettivo dell’associazione non è infatti quello di aggirare gli ostacoli ma di partire dal loro riconoscimento per cercare di trovare una soluzione che si traduca in un utile concreto, tangibile, per le persone disabili, come nel caso di quest’auto che, lo ricordiamo, è stata acquistata tramite il contributo di diverse organizzazioni no-profit che operano nel campo della disabilità.

Sono diventato presidente dell’Associazione disabili bergamaschi una decina di anni fa e insieme a Mauro Foppa, che è un altro ragazzo disabile, e ad altre due persone, ho fondato la Bergamo Special Sport. Noi provenivamo dalla polisportiva handicappati che si era sciolta, quindi il nostro obiettivo era quello di ricostituire la squadra di basket di cui ho fatto parte sia come allenatore che come giocatore. Poi col tempo la SBS è diventata una realtà più grande che include diverse discipline sportive e che ancora oggi riesce a ottenere degli ottimi risultati in termini sportivi. L’ADB come la SBS pratica sport-terapia (ve ne abbiamo già parlato qui) e la maggior parte degli operatori che fanno attività sportiva terapeutica a Mozzo sono persone che militano o hanno militato nella SBS. Diciamo che c’è un filo diretto che ci unisce”.

La mission dell’associazione è quella di sostenere l’autonomia delle persone con disabilità, garantendo sia ai disabili che alle loro famiglie un ausilio in termini materiali e un supporto a livello psicologico. In linea con questi principi, l’automobile è stata pensata per essere utilizzata in modo totalmente autonomo: “Il presupposto è che una persona con disabilità che guida ha un margine di autonomia per salire e scendere dalla macchina, per tirare su la carrozzina e riporla in auto. Una situazione che riguarda anche chi cammina utilizzando un deambulatore o un bastone”.

Claudio Tombolini ha 59 anni (di cui 53 da paraplegico), uno spiccato accento romano e non ha esitazioni nella voce quando mi racconta che la sua disabilità è stata causata da uno scontro con un’auto che lo ha investito mentre attraversava sulle strisce pedonali, quando era solo un bambino di sei. “Nella vita non mi sono mai dato per vinto, ho sempre fatto sport, ho partecipato a due paralimpiadi, ho conquistato due scudetti e un campionato del mondo e sono fermamente convinto del fatto che lo sport si sia una terapia sia fisica che mentale”.

L’atteggiamento è quello di chi non accetta favoritismi e non chiede sconti, nemmeno di fronte alla disabilità: “se una persona disabile riesce ad usufruire di un servizio in modo ottimale, senza incontrare ostacoli, è giusto che anche questa dia il suo contributo. Ma perché ciò possa accadere è chiaro che bisogna creare le condizioni, spianare la strada. È solo facendo così che si restituisce dignità alle persone ed è proprio questo che vogliamo fare noi con la nostra attività da oltre trent’anni ”.

L’auto è stata presentata in Piazza Matteotti a Bergamo il 25 settembre. “Questi eventi sono fondamentali per noi, anche per consentire alle persone di prendere coscienza di quello che fa l’Associazione e di quanto nel mondo dell’associazionismo solidale anche un singolo contributo possa fare la differenza”.

 

 

 

 

 

 

 

Disabili no-limits. Auto tutta per loro

Testata: L’Eco di Bergamo.

Un’autovettura multi adattata per consentire alle persone con disabilità di poter reimparare a guidare e prendere la patente speciale, ma anche a disposizione dei disabili che per qualche giorno non hanno la disponibilità della loro auto.

Il nuovo mezzo è stato acquistato dall’Associazione disabili bergamaschi, grazie a un importante contributo dell’associazione Club Clay Regazzoni ed è stato presentato ieri in piazza Matteotti. «Questa nuova vettura – spiega il presidente dell’associazione Claudio Tombolini– grazie ai dispositivi acquistati dall’azienda Guidosimplex, permette di far guidare persone affette dal 90% delle patologie, anche i tetraplegici. L’obiettivo è aiutare i disabili a riprendere la vita quotidiana, a essere autonomi nella guida». La vettura è una Citroën Berlingo passo lungo che, allestita con tutti i dispositivi, ha un costo di circa 30 mila euro e sarà disponibile gratuitamente per tutti i disabili. «Collaboriamo con l’associazione da molti anni – sottolinea Giacomo Tansini, fondatore e presidente onorario del Club Clay Regazzoni – destinando fondi alle loro iniziative. È un mezzo che dà la possibilità ai disabili di muoversi quando e come vogliono». Alla presentazione anche l’assessore alle Politiche sociali Marcella Messina e la deputata Elena Carnevali. «È un progetto – ha evidenziato Messina – che pone questa città come accessibile e inclusiva, impegnata nell’eliminazione delle barriere architettoniche. Quando ci sarà bisogno si potranno stabilire delle convenzioni con l’assessorato». «È un progetto importante – aggiunge Carnevali – favorisce l’inserimento di persone con disabilità e le aiuta a sperimentare che una vita nuova è possibile».

Alessio Malvone

 

 

 

 

 

 

 

Che tripudio per la sagra, tutti uniti per fare festa

Testata: Il Cittadino.

ABBADIA. Molto partecipati gli eventi previsti nel week-end

di Lucia Macchioni

La comunità di Abbadia in festa per la sagra patronale: una ricorrenza che ha unito la cittadinanza per un evento religioso ma non solo: grazie a bancarelle, esposizioni e spettacoli, l’evento dello scorso week-end è stato un vero tripudio. «Un successo» dichiara don Luigi Avanti che, insieme al Comune, alla Pro loco, ai volontari e agli “Amici dell’Abazia, ha organizzato la sagra. Una numerosa partecipazione da parte della comunità che ha popolato le vie del paese: «Ma l’aspetto più bello – prosegue il parroco – si è rilevata la sinergia che ha stretto più persone nell’organizzazione degli eventi». Una scaletta di manifestazioni che ha preso il via con il triduo di giovedì sera per proseguire con la messa solenne, domenica alle 18: «La chiesa era gremita di fedeli – ricorda don Luigi -: per la comunità è stata una cerimonia molto sentita». Sabato sera, invece, largo al cabaret con uno spettacolo comico a favore del progetto “Skills for life” gestito dalla Fondazione Danelli per un sostegno alle famiglie con bimbi autistici. A chiudere i banchi di hobbisti, tra cui una curiosa esposizione di radio d’epoca e il raduno di auto e moto: «Si tratta della volontà di proseguire con il progetto benefico a favore di persone paraplegiche – spiega don Luigi – per cui hanno partecipato amici motociclisti dalla provincia di Brescia e il “Club auto sportive legnanesi”». Dal 1995 il “Club Clay Regazzoni Onlus” ha raccolto quasi un milione di euro: ne mancano solo 25mila, per raggiungere la cifra che consentirà di proseguire la battaglia a favore di persone con disabilità dopo gravi incidenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Club Regazzoni riparte con energia

Testata: Il Cittadino.

Finalmente abbiamo ricominciato: Aiutiamo la paraplegia – Club Clay Regazzoni ha avviato la sua 28ª stagione dopo il lungo stop forzato iniziato il 1º febbraio 2020. Principio di stagione avvenuto presso l’antica chiesa abbazziale di Abbadia Cerreto presso la quale è stata presentata anche la nuova tessera – peraltro già in distribuzione – dedicata ai sostenitori del gruppo per l’anno 2021 anche se con un po’ di ritardo. In questa occasione è stata presentata la Formula 1 Minardi M 193 restaurata dall’amico e sostenitore Franco Germani, vettura da corsa collocata all’ingresso “del Paradiso” della storica abbazia cistercense e benedetta da don Luigi Avanti dopo la celebrazione della Messa. Durante la funzione religiosa, come di consueto, sono stati ricordati tutti i piloti e sostenitori dell’associazione venuti a mancare, ovviamente partendo dal fondatore Clay Regazzoni, ma anche Michele Alboreto, il grande Gigi Villoresi, l’amico Guido Daccò, il due volte campione del mondo Umberto Masetti, il pilota lodigiano Eugenio Castellotti, l’imprenditore Gabriele Rumi fondatore della Fondmetal, oggi diretta dai figli Stefano e Alessandra, ed ex patron del Team Minardi di Formula 1. Dunque, come ricorda Giacomo Tansini, si tenta di tornare con le dovute e necessarie cautele alle consuete tradizioni perfezionando le iniziative di solidarietà nel rispetto delle regole anti-Covid, peraltro portate avanti anche nel 2020 seppure con le note difficoltà, grazie al prezioso sostegno della famiglia Regazzoni e, in particolare, alla signora Maria Pia affiancata dai figli Alessia e Gianmaria, grazie ai quali è stato possibile raggiungere il contributo minimo di almeno la metà di quello abitualmente raccolto negli anni precedenti. Ricordiamo che lo scopo delle raccolte è duplice: favorire la ricerca e la cura (Ospedale Niguarda di Milano) e sostenere i centri di riabilitazione (Associazione Disabili Bergamaschi e centro di riabilitazione a Montecatone-Imola). Pregevoli sono i sostegni del dottor Gian Carlo Minardi (fondatore dell’omonimo Team Minardi di Formula 1 e consigliere dell’associazione) nonché tutto il direttivo a partire dal presidente don Luigi Avanti, dall vicepresidente Luciano Codazzi, Francesca Codazzi, Giovanni Secchi, Alberto Maletti, Giorgio Identici, guidati dal fondatore e presidente onorario Giacomo Tansini. Al termine della cerimonia la Minardi F1 M 193 e stata portata nella sede del Club Clay Regazzoni presso nell’oratorio di Cadilana di Corte Palasio dove rimarrà in esposizione per coloro che vogliono ammirarla e fare delle fotografie lasciando volontariamente anche un’offerta, ma sarebbe anche l’occasione per aggregarsi e diventare sostenitori tesserandosi al Club Clay Regazzoni Odv che comprende anche il Clay Regazzoni Memorial Room di Pregassona (Svizzera), il Minardi Club Paullo-Castelleone e l’oratorio San Luigi di Cadilana. La Minardi F1 M 193 sarà a disposizione per eventi sportivi a scopo benefico, per esposizioni motoristiche, inaugurazione di saloni di automobili e fiere, tenendo sempre presente il principale obbiettivo, quello della raccolta fondi. «Siamo molto vicini al milione di euro raccolti dall’inizio di questa avventura – conclude Tansini -, contavamo di raggiungere questa cifra simbolica lo scorso anno, ma le ben note circostanze ce lo hanno impedito. Contiamo di raggiungerlo quest’anno co

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche una F1 restaurata per il ritorno del Regazzoni

Testata: Il Cittadino.

Dopo il lungo stop iniziato a febbraio dello scorso anno, il Club Clay Regazzoni di Paullo ha avviato la sua 28ª stagione. E lo ha fatto in grande stile presentando la Formula 1 Minardi M 193 restaurata da Franco Germani, che potrà essere ammirata nell’oratorio di Cadilana di Corte Palasio e sarà a disposizione per eventi sportivi a scopo benefico. «Per noi è un ritorno alla normalità – dichiara Giacomo Tansini, fondatore del Club Regazzoni -. Ogni evento è l’occasione per aggregarsi e diventare sostenitori tesserandosi al Club Clay Regazzoni O.D.V che comprende anche il Clay Regazzoni Memorial Room di Pregassona (Svizzera), il Minardi Club Paullo- Castelleone e l’oratorio San Luigi di Cadilana. Nonostante le difficoltà, anche nel 2020 abbiamo comunque sostenuto la ricerca e la cura all’ospedale Niguarda di Milano e ai centri di riabilitazione dell’associazione Disabili Bergamaschi e a Montecatone-Imola». Il principale obiettivo del club è la raccolta fondi per la paraplegia. «Siamo molto vicini al milione di euro raccolti dall’inizio di questa avventura, cominciata 27 anni fa – conclude Tansini –. Contavamo di raggiungere questa cifra simbolica lo scorso anno, ma le ben note circostanze ce lo hanno impedito. Ce la fare quest’anno con questa ripartenza».

E.C.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Club Clay Regazzoni ha ripreso le attività dopo lo stop causato dalla pandemia

Testata: Autosprint.

Domenica 30 maggio, l’associazione di volontariato ha ripreso il filo del calendario delle attività, interrotto il primo febbraio del 2020. Ecco come riparte la stagione della beneficenza arriva al 28esimo anno di età

Aiutiamo la paraplegia – Club Clay Regazzoni ha avviato la sua 28ª stagione dopo il lungo stop forzato iniziato il 1º febbraio 2020 domenica 30 maggio.

L’evento di “restart” è avventuo presso l’antica chiesa abbazziale di Abbadia Cerreto presso la quale è stata presentata anche la nuova tessera – peraltro già in distribuzione – dedicata ai sostenitori per l’anno 2021 anche se con un po’ di ritardo. In questa occasione è stata presentata la Formula 1 Minardi M 193 restaurata dal sostenitore Franco Germani, vettura da corsa collocata all’ingresso “del Paradiso” della storica abbaziacistercense benedetta da don Luigi Avanti dopo aver celebrato la Messa.

Durante la funzione religiosa, come di consueto, sono stati ricordati tutti i piloti e sostenitori venuti a mancare, ovviamente partendo dal fondatore Clay Regazzoni, ma anche Michele Alboreto, il grande Gigi Villoresi, l’amico Guido Daccò, il due volte campione del mondo Umberto Masetti, il pilota lodigiano Eugenio Castellotti,  l’imprenditore Gabriele Rumi fondatore della Fondmetal oggi diretta dai figli Stefano e Alessandra Rumi, ed ex patron del Team Minardi F 1.

Dunque, come ricorda Giacomo Tansini, si tenta di tornare con le dovute e necessarie cautele alle consuete tradizioni perfezionando le iniziative di solidarietà nel rispetto delle regole anti-Covid, peraltro portate avanti anche nel 2020 seppure con le note difficoltà, grazie al prezioso sostegno della famiglia Regazzoni e, in particolare, alla signora Maria Pia affiancata dai figli Alessia e Gianmaria, grazie ai quali è stato possibile raggiungere il contributo minimo di almeno la metà di quello abitualmente raccolto negli anni precedenti. Ricordiamo che lo scopo delle nostre raccolte è duplice: favorire la ricerca e la cura (Ospedale Niguarda di Milano) e sostenere i centri di riabilitazione (associazione Disabili Bergamaschi e centro di riabilitazione a Montecatone-Imola).

Pregevoli sono i sostegni del dottor Gian Carlo Minardi (fondatore dell’omonimo Team Minardi F1 e consigliere dell’associazione) nonché tutto il direttivo a partire dal presidente don luigi Avanti il vicepresidente Luciano Codazzi, Francesca Codazzi, Giovanni Secchi, Alberto Maletti, Giorgio Identici tutti guidati dal Fondatore e Presidente Onorario Giacomo Tansini.

Al termine della cerimonia la Minardi F1 M 193 e stata portata nella sede del Club Clay Regazzoni presso nell’oratorio di Cadilana di Corte Palasio dove rimarrà in esposizione per coloro che vogliono farci visita e fare delle fotografie lasciando volontariamente anche un’offerta, ma sarebbe anche l’occasione per aggregarsi e diventare sostenitori tesserandosi al Club Clay Regazzoni O.D.V che comprende anche il Clay Regazzoni Memorial Room di Pregassona (Svizzera), il Minardi Club Paullo-Castelleone e l’oratorio San Luigi di Cadilana.

La Minardi F1 M 193 sarà a disposizione per eventi sportivi a scopo benefico, per esposizioni motoristiche, inaugurazione di saloni di automobili e fiere, tenendo sempre presentite il principale obbiettivo, quello dell raccolta fondi.

L’associazione è vicina al milione di euro raccolti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ‘Clay’ riaccende i motori

Testata: Il Nuovo Torrazzo.

Dopo un anno e mezzo di stop il ‘club’ ha avviato la stagione con una bella iniziativa favorita da Giancarlo Minardi

di BRUNO TIBERI

Il Club Clay Regazzoni aiutiamo la Paraplegia è tornato a correre. Lo ha fatto domenica alla guida di una monoposto dello storico team Minardi di Formula. Uno. Nella splendida-cornice di Abbadia Cerreto, infatti, il club fondato da Giacomo Tansini (presidente onorario) e dal compianto Clay e attualmente presieduto da don Luigi Avanti, ha dato ufficialmente avvio alla 28a stagione. Quella della ripartenza dopo lo stop forzato causato dal Covid. Era febbraio 2020, quando i motori delle iniziative del ‘Club Clay’ si spensero. Eventi volti al coinvolgimento degli appassionati e tesi a una raccolta fondi da donare alla ricerca per la cura della paraplegia e alle strutture di riabilitazione. Una catena di solidarietà che non si è completamente interrotta nel 2020 – solamente grazie all’impegno profuso dal direttivo dell’associazione splendidamente supportato dalla famiglia Regazzoni “in particolare, dalla signora Maria Pia affiancata dai figli Alessia e Gianmaria — spiega Tansini —. Ora si riparte tentando di tornare con le dovute e necessarie cautele alle consuete tradizioni, perfezionando le iniziative di solidarietà nel rispetto delle regole antiCovid”.

Domenica 30 maggio l’inaugurazione ufficiale della nuova stagione con la presentazione della nuova tessera. “È stata una domenica speciale, caratterizzata dalla presentazione della Formula 1 Minardi M 193 restaurata dall’amico e sostenitore Franco Germani, vettura da corsa collocata all’ingresso ‘del – Paradiso’ della storica abbazia cistercense, benedetta da don Luigi Avanti dopo la celebrazione della Messa. Durante la funzione religiosa, come di consueto, sono stati ricordati tutti i nostri piloti e sostenitori venuti a mancare, ovviamente partendo dal fonda-tore Clay Regazzoni, ma anche Michele Alboreto, il grande Gigi Villoresi, l’amico Guido Daccò, il due volte campione del mondo Umberto Maletti, il pilota lodigiano Eugenio Castellotti, l’imprenditore Gabriele Rumi, fondatore della Fondmetal oggi diretta dai figli Stefano e Alessandra, ed ex patron del Team Minardi F1”.

Insieme a Tansini, don Luigi e Minardi, nella domenica speciale, anche i membri del direttivo Luciano Codazzi, Francesca Codazzi, Giovanni Secchi, Alberto Maletti e Giorgio Identici. Una giornata condusasi con il trasferimento della monoposto presso la sede del ‘Club Clay Regazzoni’ nell’oratorio Cadilana di Corte Palasio “dove rimarrà in esposizione per coloro che vogliono farci visita e scattare fotografie lasciando volontariamente anche un’offerta. L’occasione potrebbe tra l’altro essere colta per aggregarsi e diventare sostenitori tesserandosi al Club Clay Regaz-zoni O.D.V che comprende anche il Clay Regazzoni Memorial Room di Pregassona (Svizzera), il Minardi Club Paullo-Castelleone e l’oratorio San Luigi di Cadilana. La Minardi F1 M 193 sarà a disposizione per eventi sportivi a scopo benefico, per esposizioni motoristiche, inaugurazione di saloni di automobili e fiere, tenendo sempre presentite il principale obbiettivo, quello della raccolta fondi”. Una corsa che sta portando l’associazione a tagliare il traguardo del milione di euro donati alla ricerca e alla cura sulla paraplegia e alla riabilitazione,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salta il Gran Premio, non la solidarietà

Testata: Il Giorno.

Il club Clay Regazzoni dona 20mila euro ai centri per la ricerca e il sostegno ai paraplegici. Nonostante quest’anno non sia stato possibile, a causa dell’emergenza Covid, organizzare il tradizionale Gran Premio della Solidarietà, il sodalizio dedicato al pilota di Formula Uno scomparso nel 2006 è riuscito a dare un contributo all’attività delle strutture, con le quali abitualmente collabora: l’unità spinale di Niguarda, l’ospedale riabilitativo di Montecatone e l’associazione dei disabili bergamaschi.